Skip to content

Previdenza

ENPAM

Fondo Generale

Domande di pensione

Domanda di indennità di maternità

Fondi Speciali

 

 

 

Fondazione ENPAM – Riscossione contributo “Quota A” per l’anno 2010

Mercoledì, 10 Marzo 2010
Fondo Generale “Quota A”: contributi obbligatori per il ruolo 2010
Come è noto, dal 2001 la Fondazione ENPAM ha affidato ad Equitalia Esatri S.p.A. l’incarico di riscuotere, su tutto il territorio nazionale, i contributi previdenziali dovuti alla Quota A del Fondo di Previdenza Generale.
Gli importi contributivi per l’anno 2010, distinti in base alle fasce di età, sono i seguenti:
€ 186,40 fino a 30 anni di età;
€ 361,82 dal compimento dei 30 fino ai 35 anni di età;
€ 678,99 dal compimento dei 35 fino ai 40 anni di età;
€ 1.253,96 dal compimento dei 40 fino ai 65 anni di età;
€ 678,99 per gli ammessi, entro il 31 dicembre 1989, al beneficio della contribuzione ridotta “Quota A”, in quanto forniti di diversa copertura previdenziale obbligatoria.
Oltre alla quota relativa al contributo previdenziale, tutti gli iscritti sono, altresì, tenuti al versamento del “contributo maternità, adozione e aborto” nella misura annua di € 42,75.
I contributi possono essere pagati in quattro rate con scadenza 30 aprile, 30 giugno, 30 settembre, 30 novembre o in unica soluzione entro il termine previsto per la prima rata (30 aprile). Qualora l’avviso dovesse pervenire oltre la scadenza di una o più rate, il versamento potrà essere effettuato entro 15 giorni dalla data di ricevimento.
Coloro che si sono iscritti all’Ordine nel corso dell’anno 2009, nel prossimo mese di aprile riceveranno un avviso di pagamento con l’indicazione dell’importo complessivamente dovuto alla quota A del Fondo Generale per il 2009 e per il 2010.
Gli interessati possono ottemperare all’obbligo contributivo presso tutte le agenzie postali e bancarie utilizzando gli appositi bollettini RAV, oppure con carta di credito tramite i canali telematici indicati sul sito www.taxtel.it.
Resta, altresì, ferma la possibilità di pagare attraverso il servizio di domiciliazione bancaria.
Per poter usufruire dell’addebito permanente in conto corrente bancario (procedura RID) è necessario compilare l’apposito modulo RID allegato all’avviso di pagamento ed inoltrarlo ad EQUITALIA ESATRI S.p.A. di Milano tramite le modalità indicate dalla stessa società. Il modulo RID, quindi, non deve essere presentato alla propria banca, ma deve essere inoltrato direttamente al predetto Agente della riscossione. Per il servizio offerto, la commissione richiesta da Equitalia ESATRI S.p.A. è di € 2,07 per addebito.
Occorre far presente che le richieste di domiciliazione bancaria dovranno necessariamente pervenire improrogabilmente entro il 31 maggio 2010; altrimenti, saranno ritenute valide solo a decorrere dall’anno 2011 ed i contributi 2010 dovranno essere versati utilizzando le ordinarie modalità di pagamento (bollettini RAV, carta di credito, ecc.). Si fa presente che in caso di adesione al servizio di domiciliazione bancaria entro il 31 maggio 2010, non si dovrà procedere al pagamento della prima rata in scadenza il 30 aprile 2010. I contributi saranno automaticamente addebitati in conto corrente con valuta il giorno di scadenza di ciascuna rata o della prima rata, in caso di opzione per il versamento in unica soluzione.
Si rammenta, infine, che i contributi di Quota A, data la loro natura obbligatoria, sono integralmente deducibili dal reddito complessivo del contribuente, ai sensi dell’art. 10, comma 1, lett. e) del Tuir.
A tal fine, a coloro che avranno aderito al servizio RID, Equitalia Esatri invierà, in tempo utile per gli adempimenti fiscali, un riepilogo annuale degli importi versati.
Agli iscritti che invece utilizzeranno, come modalità di pagamento, i bollettini di conto corrente postale modello RAV, si fa presente che sul retro della sezione di versamento è specificata la descrizione del contributo richiesto (“Trib. 539 Previdenza ENPAM 2010).
Il riepilogo annuale sopra indicato inviato da Equitalia Esatri ovvero le quietanze o le ricevute di versamento effettuato su conto corrente postale, dovranno essere conservati e presentati, ai fini della deducibilità fiscale, su richiesta dell’Agenzia delle Entrate.
Links & allegati

 

Documento Adobe Acrobat (PDF) Approfondimenti

Leave a comment

required
required

Note: HTML is allowed. Your email address will never be published.

Subscribe to comments